Thomas Bayrle, Katholisch

Frankfurt Kreuz e Verdun-Kreuzmadonna

Thomas Bayrle è l’artista più rappresentativo della Pop Art in Germania. La sua mostra Katholisch crea un dialogo tra l’artista e la fede cattolica e le sue opere rappresentano il conflitto dell’artista con la fede cristiana.

Thomas Bayrle, Frankfurt Kreuz, 1988
Thomas Bayrle, Frankfurt Kreuz, 1988

Thomas Bayrle vuole dimostrare che “essere cattolico (catholich)” è come una macchina a moto perpetuo – in cui scorre continuamente energia. La parola “Catholich” proviene dal greco “kata Holon” e significa “tutto relativo”. Il titolo “Katholisch” deve essere letto come un programma: tra le strutture e le forme, icone e idee. La mostra tratta l’argomento in modo completo. Nella Frankfurt Kreuz del 1988, Cristo viene rappresentato come un’icona antica, ma muscoli e tendini sono costituiti da fotografie scattate in autostrade. Possiamo vedere anche i simboli del consumismo all’interno santini durante la via della croce, lungo la navata.

Thomas Bayrle
Thomas Bayrle, Frankfurt Kreuz, 1988
Thomas Bayrle, Frankfurt Kreuz, 1988, (dettaglio)
Thomas Bayrle, Frankfurt Kreuz, 1988, (dettaglio)

Un’altra opera, Verdun-Kreuzmadonna recentemente esposta a Milano alla mostra La Grande Madre, rappresenta invece l’immagine della Madonna col Bambino. Anche in questo caso l’iconografia rimanda allo stile delle vecchie icone religiose ma l’immagine è in verità composta da tante croci bianche su un fondo nero.

Thomas Bayrle, Verdun-Kreuzmadonna, 1988, Collage sutavola di legno, 222 x 170 cm, Foto Jens Ziehe Courtesy l’artista; Galerie Barbara Weiss, Berlino
Thomas Bayrle, Verdun-Kreuzmadonna, 1988, Collage su tavola di legno, 222 x 170 cm, Foto Jens Ziehe, Courtesy l’artista; Galerie Barbara, Weiss, Berlino

L’utilizzo della tecnica del collage, la ripetizione di forme che creano un pattern che definisce le figure e la scelta dei soggetti, fa delle opere dell’artista un’improbabile fusione che reinterpreta, attualizzandole, le icone della tradizione cristiana.

Riferimenti:

SanktPeterKoeln

Artslife

Comments

comments