La Madonna gialla di Katharina Fritsch

Tra souvenir e opera d’arte

Katharina Fritsch esplora il modo in cui l’esperienza e l’iconografia religiosa si evolvono rispetto alle differenze categoriche che definiscono gli oggetti d’arte rispetto ai souvenir. Attingendo dalle sue esperienze personali e dai sogni, così come dalla storia e da miti e fiabe della sua nativa Germania, Fritsch si impegna in un costante processo di moltiplicazione, cercando di individuare un “punto di tensione e proporzione nella forma che corrisponda ad un personale e intuitivo senso del giusto.” Qui, prende la Madonna come soggetto, coprendo la figura simbolica con gesso dipinto di giallo. Continue reading “La Madonna gialla di Katharina Fritsch”

Hanna Wilke – Intra Venus 4

Un’analisi tra la fragile condizione umana e divina

Hanna Wilke è morta di cancro nel 1993. L’artista ha registrato il deterioramento fisico del suo corpo devastato dalla malattia e le immagini sono una perfetta sintesi con l’autrice stessa come soggetto di questa mostra agghiacciante. Essere in grado di fotografare sé stessa e rappresentarsi agli altri è una cosa, ma guardare e poi presentare quel corpo nel processo di decadimento è un’altra. Il lavoro di Wilke è sempre stato coinvolto dai temi del corpo femminile e della politica del femminismo, generando delle immagini di sintesi che catturano l’esplorazione della conclusione struggente dei corpi. Continue reading “Hanna Wilke – Intra Venus 4”

Robert Gober, Madonna e Crocifisso

L’acqua per dare una godibilità visiva e uditiva dell’opera

L’artista Robert Gober ha esposto la sua installazione Untitled 1995-1997 (“Senza titolo 1995-1997”). Continue reading “Robert Gober, Madonna e Crocifisso”

I crocifissi di Stefan Strumbel

La casa tra tradizione popolare e pop art

Stefan Strumbel ha presentato presso la Circleculture Gallery la sua mostra, “Home Sweet Home”. Con la sua arte, Strumbel utilizza motivi tradizionali che sono associati alla sua origine. Su un livello astratto, l’artista occupa dei paradigmi della “casa” e contemporaneamente mette in discussione il suo concetto. Continue reading “I crocifissi di Stefan Strumbel”

Thomas Bayrle, Katholisch

Frankfurt Kreuz e Verdun-Kreuzmadonna

Thomas Bayrle è l’artista più rappresentativo della Pop Art in Germania. La sua mostra Katholisch crea un dialogo tra l’artista e la fede cattolica e le sue opere rappresentano il conflitto dell’artista con la fede cristiana. Continue reading “Thomas Bayrle, Katholisch”

Titus Kaphar, Holy Absence – assenze attive

 

La finzione della rappresentazione

Titus Kaphar (nato nel 1976 a Kalamazoo, Michigan) crea delle opere che interagiscono con la storia dell’arte appropriandosi dei loro stili e mezzi. All’interno della serie di dipinti classici ripresi dall’artista troviamo due opere in cui viene effettuata dall’artista un’originale reinterpretazione del tema religioso, secondo cui non è più la presenza divina ma l’assenza divina a fare da protagonista. Continue reading “Titus Kaphar, Holy Absence – assenze attive”

Francesca Woodman e le Disordinate geometrie interiori

La crocifissione alla porta

Francesca Woodman (1958–1981) è una visionaria fotografa statunitense che indaga l’incerta dimensione dell’esistenza in relazione con l’ambiente naturale o architettonico circostante. Lo spazio domestico subisce però nelle fotografie dell’artista, una radicale decostruzione. Nella foto di cui si occupa l’articolo, la donna non è seduta sulla sedia, come in tante pitture d’interni, ma è sospesa alla cornice di una porta, quasi a voler rappresentare una scena di crocifissione. Il suo volto è nascosto, negandosi all’obiettivo, come nella maggior parte delle foto della Woodman. Continue reading “Francesca Woodman e le Disordinate geometrie interiori”

Nataliya Chernakova alla Galleria Lorenzo Vatalaro

 La personale “Est” di Nataliya Chernakova

Il mio primo impatto entrando nella galleria è stato insolito: lo spazio è molto piccolo e anche l’atmosfera è cupa ma sono stata accolta subito dal proprietario della galleria – Lorenzo Vatalaro – che mi ha spiegato le opere esposte dell’artista Nataliya Chernakova. Continue reading “Nataliya Chernakova alla Galleria Lorenzo Vatalaro”

Le rane crocifisse di Martin Kippenberger

Fred the Frog Rings the Bell

Martin Kippenberger, Fred Frog rings the bell, 1990
Martin Kippenberger, Fred Frog rings the bell, 1990

Noto al grande pubblico per il suo carattere provocatorio, satirico e allo stesso tempo giocoso, Kippenberger (1953-1997) è stato “riconosciuto come uno dei più talentuosi artisti tedeschi della sua generazione” come scrive secondo Roberta Smith de nel New York Times. La sua reputazione artistica e la sua influenza sono però aumentate dopo la sua scomparsa, al termine di una vita fatta di eccessi e sregolatezze. Continue reading “Le rane crocifisse di Martin Kippenberger”

Thomas Bayrle e la Madonna Mercedes

Gloria spirituale sostituita da avidità senz’anima

Tutte le utopie contengono una potenziale distopia al loro interno. Come con la grande Pop Art, la forza di Thomas Bayrle deriva dall’incertezza del fatto che il suo lavoro sia totalmente satira, o una celebrazione, o una combinazione dei due.  Continue reading “Thomas Bayrle e la Madonna Mercedes”

Cindy Sherman e la Madonna col Bambino

La storia è qualcosa di inventato

Cindy Sherman, Untitled #216, 1989, C-print, 221,3 x 142,6 cm
Cindy Sherman, Untitled #216, 1989, C-print, 221,3 x 142,6 cm

La fotografa americana Cindy Sherman è nota per l’utilizzo di se stessa come soggetto delle sue fotografie. Detto questo, le sue opere non sono autoritratti in senso tradizionale, poiché adotta diverse personae (dal latino per le “maschere” utilizzate nel dramma) utilizzando il trucco, ponendo fondali elaborati e indossando un abito di fantasia. Continue reading “Cindy Sherman e la Madonna col Bambino”

Soasig Chamaillard e la rielaborazione della Madonna

Una nuova visione della vita e della dottrina

Soasing Chamaillard, Zebra Conception
Soasig Chamaillard, Zebra Conception

Gli artisti hanno sempre avuto un debole per la Vergine Maria ma nessuno ha immaginato il personaggio benedetto come l’artista francese Soasig Chamaillard. Continue reading “Soasig Chamaillard e la rielaborazione della Madonna”

Zeng Fanzhi reinterpreta l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci

L’assurdità all’interno della distruzione e ricostruzione di una società

Zeng Fanzhi, The Last Supper (L'ultima cena), 2001, olio su tela
Zeng Fanzhi, The Last Supper (L’ultima cena), 2001, olio su tela, 4 x 2,20 m

La monumentale opera di Zeng Fanzhi, L’Ultima Cena, è stato ispirato dall’omonima pittura del maestro del Rinascimento italiano Leonardo da Vinci. Nell’opera l’artista mostra con coraggio la trasformazione della società cinese durante la riforma economica nel 1990, infatti si pone come forse l’opera più rappresentativa nella storia dell’arte cinese contemporanea Continue reading “Zeng Fanzhi reinterpreta l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci”

‘Each Man Creates His own God’ Neon Sign

Edgar Allan Poe  e Philip Oakley Illuminations 

Philip Oakley Illuminations, Each man creates his own God, Neon montato su struttura in legno di recupero dipinta di nero con trasformatori e cavi nascosti dietro, alto 225cm e largo 152cm.
Philip Oakley Illuminations, Each man creates his own God, Neon montato su struttura in legno di recupero dipinta di nero con trasformatori e cavi nascosti dietro, alto 225cm e largo 152cm.

Un crocifisso neon di Philip Oakley Illuminations nato dalle parole di Edgar Allan Poe: “Ogni uomo crea il suo proprio Dio per se stesso – il suo proprio paradiso , il suo proprio inferno. ” (“Each man creates his own God” Neon sign.). Continue reading “‘Each Man Creates His own God’ Neon Sign”

Thierry Mugler e la sfilata della Madonna

«L’inverno degli Angeli» allo Zenith di Parigi

mode-defile_438

Per celebrare il decimo anniversario (collezione autunno / inverno 1984) di Thierry Mugler, lo stilista ha messo in scena uno spettacolo grandioso con un pubblico pagante di 6.000 persone, allo Zenith di Parigi. E ‘stata la prima volta che il pubblico francese ha avuto accesso ad una sfilata di moda. Incorporando il cinema e la regia nella produzione, Mugler ha raffigurato una modella, la Madonna, come un ricamato complesso angelico sospeso sopra guglie di vetro. Continue reading “Thierry Mugler e la sfilata della Madonna”

Andres Serrano – Piss Christ

Lo scandalo del Cristo immerso nell’urina

Andres Serrano, Piss Christ
Andres Serrano, Piss Christ, 1987

Piss Christ (in italiano “Cristo di piscio“) è una fotografia realizzata nel 1987 dal fotografo statunitense Andres Serrano.

La foto raffigura un piccolo crocifisso di plastica immerso in un bicchiere di vetro contenente l’urina dell’autore. Continue reading “Andres Serrano – Piss Christ”

Barbie, La Religione di Plastica

Scandalo per le opere di Pool Paolini e Marianela Perelli 

Pool Paolini e Marianela Perelli, Ken Gesù crocifisso
Pool Paolini e Marianela Perelli, Ken Gesù crocifisso

“La religione è davvero così di plastica che si può ridurre la devozione a oggettistica?”. E’ quanto si legge in un editoriale del Sir, il Servizio Informazione Religiosa che condanna l’opera di due artisti argentini, Pool Paolini e Marianela Perelli, che hanno realizzato, per una mostra prevista in Argentina, delle Barbie in versione Madonna e Ken in versione Gesù.  Continue reading “Barbie, La Religione di Plastica”

Jan Fabre – La Madonna secca e la Pietà verminosa

Tra vita, morte e resurrezione

Jan Fabre, Sogno compassionevole (Pietà V)
Jan Fabre, Sogno compassionevole (Pietà V)

L’artista fiammingo Jan Fabre ha destato molto scalpore con la sua opera Pietas realizzata in marmo di Carrara. L’artista rielabora la pietà michelangiolesca rappresentando il volto della Madonna con l’effigie di un teschio e sostituendo la figura di Cristo con la sua persona, in giacca e cravatta e in stato di morte – trasudante una vitalità bacata, fatta di insetti, farfalle e lumache -, mentre con una mano trattiene un cervello.
 Continue reading “Jan Fabre – La Madonna secca e la Pietà verminosa”

Maurizio Cattelan, Untitled – I.N.R.I.

Un cavallo morto per i nostri peccati

Maurizio Cattelan, Untitled-I.N.R.I. nella mostra "Pop Life" del 2009 presso laTate Modern, Londra.
Maurizio Cattelan, Untitled-I.N.R.I. nella mostra “Pop Life” del 2009 presso laTate Modern, Londra.

Maurizio Cattelan è un artista italiano noto per le sue opere dissacranti, provocatorie e ironiche. Nato a Padova il 21 Settembre del 1960, attualmente vive e lavora a New York. Continue reading “Maurizio Cattelan, Untitled – I.N.R.I.”

2Reality – Alexey Kondakov racconta Kiev

Opere classiche inserite in contesti moderni

L’artista ucraino Alexey Kondakov presenta una serie di spettacolari immagini in cui dei personaggi tratti da opere dell’arte classica si inseriscono in ambienti moderni metropolitani, creando un ponte tra il passato e il presente di cui l’artista si serve per esplorare la natura umana. Continue reading “2Reality – Alexey Kondakov racconta Kiev”

Khalil Chishtee e le sue sculture di sacchetti di plastica

Spazzatura trasformata in comunicazione emotiva

Autore: Khalil Chishtee Titolo: Discarded Plastic Bags Sculptures
Autore: Khalil Chishtee Titolo: Discarded Plastic Bags Sculptures

L’artista Khalil Chishtee è uno scultore originario del Pakistan che costruisce figure umane a grandezza naturale utilizzando sacchetti di plastica scartati. Il suo lavoro parla in parte dei rifiuti e del consumismo ma è anche in parte una riflessione sull’esperienza umana. Continue reading “Khalil Chishtee e le sue sculture di sacchetti di plastica”

Buon Anno con Brian di Nazareth e i Monty Python

Per guardare sempre il lato positivo della vita

 

life-of-brian

Per augurare un buon anno a tutti Cristi e Madonne ha deciso di dare una visione ottimista per il 2017, al di là di cosa questo abbia in serbo per noi! Parliamo quindi di Brian di Nazareth, commedia del 1979 diretta da Terry Jones e interpretata dal gruppo comico inglese Monty PythonContinue reading “Buon Anno con Brian di Nazareth e i Monty Python”

Buon Natale con Keith Haring e South Park!

Gesù Cristo o Santa Claus?

Merry Christmas di Keith Haring
Merry Christmas di Keith Haring

Il Babbo Natale crocifisso di Keith Haring, insieme al Cristo consumista di Banksy http://cristiemadonne.altervista.org/consumer-jesus/ ) ben rappresentano l’attuale spirito natalizio in cui si confondono e fondono i personaggi e i simboli delle antiche origini della festività religiosa e dell’attuale festa commerciale. Le due occasioni di festa (natività e scambio di regali) che si intrecciano il 25 dicembre, hanno come protagonisti Gesù Cristo e Babbo Natale, figure tra di loro opposte. Ancor più confusione si trova in queste opere, dove ai due protagonisti e ai simboli del Natale commerciale si unisce quello del crocifisso, riferimento alla Pasqua e non certo al Natale.

Continue reading “Buon Natale con Keith Haring e South Park!”

Giuseppe Veneziano e la Madonna del Terzo Reich

Santa Madre dello scandalo

Giuseppe Veneziano, La Madonna del Terzo Reich, acrilico su tela, 130 X 100 cm, 2009

«Anche Hitler era figlio di Dio e il mostro è potenzialmente in tutti noi». Ecco come il pittore Giuseppe Veneziano ha spiegato la sua decisione di dipingere un quadro che ritrae il Führer bambino in braccio a una Madonna simile a quelle dipinte da Raffaello, soprattutto la Piccola Madonna Cowper del 1505.

L’opera è stata esposta per la prima volta alla Fiera d’arte di Verona del 2009 dove è stata censurata, portando il nome dell’artista siciliano sotto i riflettori dei media. L’artista riesce ad offendere due autorità religiose e una politica in un solo dipinto, infatti sia il sindaco, che il vescovo, che il rabbino della comunità ebraica di Verona ne hanno chiesto la rimozione. Continue reading “Giuseppe Veneziano e la Madonna del Terzo Reich”

Banksy – Cristo Consumista

Consumers for Christ

Banksy’s Jesus with shopping bags, 2005 stenciled work.

Rimarcando il carattere controverso delle sue opere, Banksy smonta i valori della società consumistica occidentale. La difficoltosa ricerca della libertà cede volentieri il passo al più immediato soddisfacimento della pulsione del possesso. Continue reading “Banksy – Cristo Consumista”